Kai Gleusteen

Kai Gleusteen

Violino

Biografia

Violinista di origini canadesi, Kai Gleusteen ha iniziato lo studio dello strumento all’età di cinque anni nella sua città natale, Calgary. Da subito ottiene successi in concorsi musicali nazionali e importanti riconoscimenti accademici. Già in giovane età, ha l’opportunità di studiare con i più famosi violinisti e insegnanti del suo tempo, tra cui Nathan Milstein, Ivan Galamian, Josef Gingold, Dorothy Delay e Zakhar Bron. All’età di diciassette anni, Kai riceve il primo premio al Commonwealth Concerto Competition in Australia, il prestigioso Skene Award in Scozia e forma la sua prima orchestra da camera: The Group of Twelve.

Forte sostenitore della figura del musicista come essere umano multidimensionale, Kai ha scelto di combinare i suoi studi musicali con attività accademiche. All’università del Michigan, ha studiato antropologia, geofisica e filosofia. Ha conseguito un Master presso la Rice University sotto la guida della persona che sarebbe diventata la sua più grande ispirazione sia a livello personale che musicale, la violinista Camilla Wicks.

Nel 1991, Kai si trasferisce in Europa per vivere nel cuore della cultura occidentale. Parigi e Praga furono le sue basi per nove anni, permettendogli di svilupparsi ed esibirsi sia come solista che come primo violino di numerose orchestre. Nel 2000, vince la posizione di primo violino dell’Orchestra del Gran Teatre del Liceu e si transferisce a Barcellona. Nel 2003 fonda la Gran Teatre del Liceu Chamber Orchestra ed viene nominato professore all’Escuela Superior de Musica de Catalunya e al Conservatorio Superior del Liceu.

Con la sua compagna, la pianista francese Catherine Ordronneau, si esibisce ampiamente in recital in Europa, Nord America e Cina e ha pubblicato numerose registrazioni acclamate dalla critica. Dal 2011, crea e sviluppa il concetto di “Kaimerata”, un progetto volto a portare la migliore musica da camera in un ambiente amichevole e informativo per il pubblico sia in Canada che in Spagna. Il 2020 sarà la sua decima stagione, celebrando la vita e la musica di Beethoven.

Suona un violino G.B. Guadagnini realizzato nel 1781 a Torino.

back to top